You are here

Dal Municipio informazioni deformanti

Comunicato stampa Massagno Ambiente 24 aprile 2013

Il prospetto informativo distribuito il 19 aprile ai cittadini dal Municipio di Massagno, per la votazione del 12 maggio, contiene informazioni sbagliate, incomplete e deformanti.

Massagno Ambiente ha sostenuto il referendum perché i cittadini, grazie a un dibattito politico aperto, possano decidere in modo informato se mantenere la piscina. Le autorità non dovrebbero però dare informazioni deformanti.

Il Municipio sostiene che non vi sono progetti alternativi concreti. Invece, per il concorso di progettazione del 2007 sono stati presentati diversi progetti (acquisiti dal Comune e costati ai contribuenti oltre Fr. 100'000), su cui la giuria (presidente il sindaco di Massagno) si era espressa in questo modo “tutti i cinque progetti dimostrano un notevole approfondimento progettuale e costituiscono altrettante proposte di soluzione, tutte di notevole impegno e qualità”. Non mancano quindi soluzioni concrete, con costi nettamente inferiori e che mantengono la piscina. Semmai, è Il Municipio che non ha mai voluto considerarle, perché è rimasto ancorato a un progetto faraonico carissimo e che ha portato all’eliminazione della piscina.

Il Municipio indica poi che la nuova palestra diventerà il punto di riferimento per almeno 1500 sportivi e in più che potrà diventare una sala multiuso per eventi ricreativi e manifestazioni; una struttura simile al Palamondo di Cadempino, non inserita però in una zona industriale, ma posizionata nel bel centro di Massagno. Il Municipio non indica come intende risolvere il problema dei parcheggi, dei mezzi pubblici e dei rumori. Le strade di Massagno si riempiranno di auto nell’inutile ricerca di trovare posteggio e ci sarà un aumento del disturbo, dovuto al gran numero di visitatori che frequenteranno il nuovo impianto.

Nel prospetto c’è inoltre un’immagine computerizzata che dà una visione distorta della realtà. Non permette di capire quali siano le reali dimensioni della costruzione e dà volutamente la falsa impressione che al posto del posteggio delle scuole ci sia una piazza dove giocano i ragazzi.

Si approfitta per allegare il prospetto distribuito alla popolazione che contiene diverse informazioni e una tabella con il paragone dei costi con costruzioni simili, realizzate in Ticino e in Svizzera recentemente.

 

Massagno Ambiente

Domenico Zucchetti