You are here

Non priviamoci della piscina alle scuole elementari!

Non priviamoci della piscina alle scuole elementari!
Il 12 maggio NO al credito di Fr. 18.1 milioni

Prospetto in formato pdf

  • Il referendum è unicamente contro il costosissimo progetto che elimina la piscina coperta alle scuole elementari. Tutte le forze politiche sono invece d’accordo sulla necessità di dotare le scuole elementari di moderni impianti adeguati per gli allievi e per le società sportive. Se il credito di Fr. 18.1 milioni verrà bocciato in votazione, le forze politiche si impegneranno, in modo responsabile, per trovare una soluzione con costi inferiori e che mantenga la piscina.
  • Il progetto in votazione è del tipo “extra-lusso”, per questo ha dei costi notevolmente superiori rispetto a impianti simili, anche più grandi e di alta qualità, costruiti di recente in Ticino e in Svizzera. Ci sono quindi ampi margini per realizzare a costi inferiori un impianto sportivo di alto livello mantenendo la piscina coperta.

 

Massagno
Variante Topazia

Commerciali
Chiasso

Scuola media 2
Bellinzona

Diessenhofen
Canton Turgovia

Elementi della costruzione

Palestra doppia
(interrata)

Spalti
Mensa
Cucina catering

Palestra doppia (interrata)
Sistemazione piazza esterna

Palestra doppia
(interrata)
Spalti mobili

Appartamento
custode

Palestra tripla
Spalti
Grande foyer
Sale pesi e danza

Anno consegna

In progettazione

2013

2008

2011

Costo totale

Fr. 18.1 milioni *

Fr. 8.9 milioni

Fr. 7.3 milioni

Fr. 10.3 milioni

* Senza i costi per la per copertura invernale del Valgersa

  • A Diessenhofen il concorso è stato fatto nel luglio 2009, i lavori sono iniziati nell’agosto del 2010 e nell’ottobre 2011 c’è stata la consegna. Anche la revisione del progetto di Massagno potrà quindi essere fatta senza grandi perdite di tempo. In più, ci sono diversi vantaggi nel rimandare l’inizio della fase due.
  • Per gli allievi è meglio che non si apra il cantiere palestra quest’anno. La ristrutturazione interna delle scuole elementari, che comporta rumori, spazi limitati e disagi vari, durerà ancora per tutto l’anno scolastico 2013/2014. L’avvio dei lavori per la palestra porterebbe ulteriori difficoltà. Il nuovo cantiere, oltre ad aggiungere rumori, renderebbe inagibili la palestra, la piscina, il prato e gran parte dei piazzali di gioco. In più i ragazzi dovrebbero spostarsi a Cadempino per fare ginnastica e non sarebbe ancora pronta la copertura invernale della piscina del Valgersa.
  • Nel 2007, il progetto Topazia era stato scelto perché ritenuto anche il più convincente economicamente. Ora il Municipio riferisce che i costi si sono rilevati insostenibili, tanto da eliminare la piscina.
  • La perizia SUPSI del 2006 indicava in Fr. 1.2 milioni i costi di ristrutturazione della palestra e piscina esistenti. Ora il Municipio stima la ristrutturazione in Fr. 13.2 milioni. Siamo di fronte a delle variazioni talmente importanti, che un ulteriore approfondimento del progetto non potrà che avere effetti positivi.
  • Prima di abbattere la piscina si dovrebbero attendere i risultati dello studio sulla copertura invernale del Valgersa. La cifra di Fr. 886'000 è incompleta. Si devono ancora calcolare i costi di trasformazione degli spogliatoi (non pensati per un uso invernale) e le spese del personale per l’apertura invernale (bagnini, custodi, spostamento allievi). Bisogna poi approfondire aspetti delicati. Nel 2002, alla piscina coperta di Lugano, sono stati spesi Fr. 1.2 milioni per creare separazioni fra allievi e altri utenti, dopo che erano emerse situazioni di potenziale pericolo per i ragazzini.  La piscina coperta alle scuole elementari, oltre ad essere molto vicina e comoda, permette ai bambini di cambiarsi e fare il bagno in tutta sicurezza.
  • L’ultimo piano finanziario del Comune prevede che nel 2016, causa il credito di Fr.18.1 milioni, i debiti arriveranno a Fr. 63 milioni e il moltiplicatore aritmetico raggiungerà l’88.3% (quello necessario a non fare deficit). Questa stima è stata calcolata con tassi di interesse bassi (ora siamo ai minimi storici) e senza includere tutti i costi di copertura e di gestione invernale del Valgersa. Il moltiplicatore potrebbe quindi facilmente andare oltre il 90%.

Molti enti pubblici, causa debiti e investimenti poco prudenti, si trovano costretti a ridurre drasticamente i servizi e gli stipendi dei dipendenti. Nel Consiglio comunale di dicembre c’è già stato chi, pur votando l’aumento del debito di Fr. 18.1 milioni, ha chiesto la riduzione del personale alla casa anziani e altri tagli per mantenere il moltiplicatore basso.

  • Pochi anni fa, i due campi da tennis in Via Ceresio, usati prevalentemente da giovani, hanno lasciato il posto a 34 posteggi. Con l’eliminazione della piscina sparirà un altro importante impianto sportivo a misura di ragazzi e gruppi sportivi. La voglia di fare ritornare la squadra di serie A della SAM Basket a giocare a Massagno (vedi intervista GdP del 13.10.2013) ha fatto perdere di vista i reali bisogni e ha portato a concepire un inutile “doppione” del Palamondo. Centinaia di ragazzini delle elementari dovranno spostarsi al Valgersa, affrontando giornalmente traffico e intemperie, per evitare a pochi giocatori di serie A di recarsi a Cadempino.

Allegati