You are here

Revisione del Regolamento dei dipendenti di Massagno

Intervento di Massagno Ambiente sull'entrata in materia nel Consiglio comunale del 23 novembre 2015

Il regolamento dei dipendenti (ROD) è un documento importante, perché oltre a regolare il rapporto di lavoro definisce anche la struttura gerarchico amministrativa. I diversi rapporti e gli interventi che mi hanno preceduto, hanno messo in evidenza che ci sono delle questioni che necessitano degli ulteriori approfondimenti. Non vado a ripetere le osservazioni fatte, ma credo che molte siano condivisibili, come è anche condivisibile l’opinione di un gran numero di dipendenti che la modifica del ROD debba essere vista in un contesto più ampio e con una migliore informazione verso il personale.

Il nostro gruppo invita a non entrare in materia su questo messaggio e fare in modo che il processo di revisione si riattivi. Non vi è il rapporto della ditta di consulenza e neanche il piano finanziario. Di cambiamenti ce se saranno. L’attuale revisione del ROD rischia infatti di essere già vecchia poco dopo l’entrata in vigore. Nel preventivo 2016 il Municipio indica di volere dotarsi, presumibilmente nel corso del 2017, di un sistema informatico nuovo, non più sviluppato internamente. Questo passaggio comporterà mutamenti importanti nell’organizzazione e anche a livello di personale. Il ROD dovrebbe anticipare questo cambiamento in modo da facilitare il passaggio al nuovo sistema. Il ROD invece, così come è presentato, rischia di creare dei doppioni.

Il ROD riguarda solo un certo numero di dipendenti. Una revisione importante come questa, dovrebbe perlomeno essere coordinata con gli altri regolamenti dei dipendenti. Si eviterebbe di creare disparità e ci sarebbe anche la possibilità di apportare miglioramenti. Per esempio crediamo sarebbe utile valutare la creazione di un settore unico per la casa anziani, la Sosta e i servizi sociali. Ci sarebbe un direttore unico al posto di tre e la possibilità di organizzare meglio i diversi servizi.

Il ROD introduce degli elementi positivi, ma manca però di una visione globale, non delinea la nuova struttura organizzativa e non predispone delle norme transitorie per implementarla.

Il ROD contiene inoltre un’inaccettabile macchia nera. Il ROD indica che il vice segretario si è occupato, assieme alla ditta di consulenza, della preparazione del ROD. Si è portati a pensare che sia stato lui a proporre di eliminare la posizione di vice segretario e di assumere due nuovi funzionari al suo posto. Così avevo pensato. È perfettamente plausibile che, dopo alcuni anni di esperienza avere trovato un’altra occupazione si segnali che il posto non serve.
Non si capiva però la giustificazione dei costi e la fretta di procedere a dei concorsi prima ancora che il consiglio comunale avesse preso posizione. Per questo abbiamo fatto un’interrogazione al riguardo. Poi si è saputo che il vice segretario non ha proposto questa modifica al regolamento e che non è lui che ha giustificato in un modo assurdo la creazione di due nuovi posti.

Potrebbe anche starci di rinunciare alla funzione di vice segretario. Ma, dal momento che il messaggio ha chiamato in causa pubblicamente e personalmente il dipendente, con tanto di nome e cognome, la discussione avrà al centro, la persona che occupa attualmente il posto. L’interessato avrebbe diritto ad essere sentito e per rispetto della sua professionalità dovrebbe avere modo di spiegare quale erano le sue proposte. Questo approfondimento non può però avvenire in Consiglio comunale. Discutere le modifiche sulla base di premesse sbagliate e offensive, non è corretto. Inoltre, il datore di lavoro e quindi in primis il Consiglio comunale, ha l’obbligo di preservare la salute fisica e psichica dei propri dipendenti. Qui palesemente non lo si sta facendo, anzi si peggiora una situazione che ha già molto i connotati del mobbing.

Mi pare che non sia neanche usuale che una commissione composta da 7 membri, presenti ben 6 punti di vista diversi. Oltretutto i completamenti sono arrivati dopo i termini di legge.

Non vi è alcuna urgenza di dibattere questa sera e ulteriori approfondimenti non possono che migliorare il ROD. Sollecitiamo quindi il Consiglio a non entrare in materia.

Domenico Zucchetti